In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

  • Home
  • Archivio - Notizie

RACCOLTA FIRME. Il 10 maggio le donne Cisl Calabria in piazza per la campagna

Le donne della CISL Calabria, iscritte, rappresentanti sindacali, segretarie e coordinatrici, saranno presenti in diverse piazze calabresi durante la giornata di domenica 10 Maggio presso dei gazebo per la raccolta delle firme a sostegno della Campagna nazionale CISL “Per un Fisco + Equo e Giusto”.La giornata, dedicata alla Festa della Mamma,sarà un’occasione unica per incontrare i cittadini e illustrare i punti chiave della proposta della CISL per un Fisco più equo, una proposta di riforma fiscale a trecentosessanta gradi che vede la CISL Calabrese impegnata in una grande campagna di mobilitazione a sostegno della raccolta firme. La campagna, presentata ufficialmente dalla CISL Calabria con una conferenza stampa lo scoro 21 aprile, è finalizzata alla presentazione di una legge delega di iniziativa popolare per una riforma fiscale articolata intorno a cinque punti cardine: Bonus da 1000 euro, nuovo assegno familiare, fiscalità locale al servizio del cittadino, una imposta sulla grande ricchezza netta e lotta all'evasione fiscale. Obiettivo dell’iniziativa della CISL è fornire più risorse a chi lavora, ai pensionati e, soprattutto, a chi appartiene alle fasce di popolazione con redditi medio-bassi, colpite duramente ormai da sette anni di crisi. La CISL ritiene necessaria una grande operazione di redistribuzione della ricchezza per arrestare in modo efficace, e coerentemente ai principi ispiratori dell’Organizzazione sindacala, il proliferare delle diseguaglianze, del conflitto sociale e la crisi della stessa democrazia. (4 maggio 2015)