In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

  • Home
  • Archivio - Notizie

FISCO. Furlan agli iscritti: "La tua firma per cambiare l'Italia"

"La Cisl sta raccogliendo in tutta Italia 2 milioni di firme nei posti di lavoro, nei territori, nei comuni, nei luoghi tradizionali di aggregazione sociale, per cambiare il sistema fiscale nel nostro paese. Abbiamo bisogno del Tuo sostegno e di quello di tutti i cittadini italiani per presentare una legge di iniziativa popolare, fatta di pochi articoli semplici ed efficaci, in modo da convincere il Parlamento ad alzare i salari e le pensioni oggi troppo bassi, sostenere i consumi e l'occupazione, far ripartire il paese". Si apre così la lettera di Annamaria Furlan rivolta agli iscritti e ai cittadini per sostenere la raccolta firme sulla proposta di iniziativa popolare per la riforma fiscale. Una mobilitazione quella della Cisl che è capillare su tutto il territorio per portare in Parlamento una proposta "secca" e concreta" che ha cinque punti forti a partire "dall'estensione del bonus fiscale di 1000 euro all'anno a tutti i redditi sotto i 40 mila euro". Fisco ma anche pensioni. "Abbiamo elaborato anche una proposta concreta per cambiare la legge Fornero sulle pensioni, ristabilendo criteri di flessibilità in uscita. - spiega Furlan - Non tutti possono lavorare fino a 67 anni. Occorre modificare i coefficienti di calcolo del sistema contributivo, rendendo anche più conveniente il part-time negli ultimi anni di lavoro, in modo da consentire l'ingresso dei giovani". (25 marzo 2015)